Here: navigatore GPS gratis e offline

20742285122_b52ebcd051_o

Questa estate, per le vacanze, sono stato a Creta dove ho fatto un giro con un’auto presa a noleggio. Ovvio che un buon navigatore GPS offline, in modo da non dover usufruire del costoso roaming internazionale per il traffico dati, si sarebbe rivelato estremamente utile. Lo stesso autonoleggio che mi ha fornito la macchina avrebbe potuto affittarmi anche il navigatore, ma… la mia tirchieria non avrebbe acconsentito facilmente ;-). Quindi, prima di ridurmi a pagare il “supplemento navigatore”, mi sono messo a vagliare tutte le possibili alternative.

Le altre possibilità

La prima consisteva nell’utilizzare il mio vecchio TomTom ONE per il quale, però, avrei dovuto acquistare la mappa della Grecia, costo € 44,95 (… non ci siamo!).

Poi ci sono le app per smartphone (io ho un iPhone, ma tutte queste si trovano anche per Android), soluzioni più pratiche anche dal punto di vista degli ingombri, perché mi avrebbero permesso di lasciare a casa il TomTom.

Sempre in casa TomTom c’è il navigatore in formato app dal costo di € 49,99 (… sempre peggio!).

Un concorrente storico di TomTom, Navigon di Garmin, lo si può portare a casa con € 59,99 (… ma allora non ci siamo capiti!).

Tra le opzioni gratuite c’è quella di scaricare le mappe offline di Google Maps. Questa opzione, però, non mi dava molta fiducia perché si deve centrare e “zoomare” l’area richiesta e, se questa è molto grande, c’è il rischio di scaricare i dati ad un livello di dettaglio insufficiente a consentire una navigazione precisa. Insomma: anche se è gratis, sono sicuro che si può fare di meglio.

Eccoci arrivati qui: Here

Una buona alternativa gratis, con discrete mappe offline, e che (come succede nelle storie migliori) mi è stata consigliata da mio cugino, è Here che, in effetti, è anche l’oggetto principale di questo post.

Facciamo un po’ di storia: nato come Navteq, dopo l’acquisizione da parte di Nokia divenne il software di navigazione installato sui telefonini della casa finlandese e, in un secondo momento, diventò app per iOS, Android e Windows Phone. Quando Microsoft, nel 2013, ne acquisì la divisione telefonia, Nokia sopravvisse come azienda di ricerca tecnologica e servizi; tra i servizi rimasti in casa Nokia c’era anche Here al quale Microsoft non era, almeno allora, interessata. Ed eccoci ai giorni nostri: non più di un mese fa è stato annunciato che Nokia ha ceduto Here alle tre maggiori case automobilistiche tedesche (http://www.corriere.it/tecnologia/economia-digitale/15_agosto_03/tedesche-bmw-audi-daimler-acquistano-mappe-nokia-here-d4c2c784-39a6-11e5-b49b-ae37d5ff3efe.shtml). A quanto pare, il terzetto teutonico ha dovuto vincere la concorrenza di svariati altri soggetti tra cui Microsoft che, evidentemente, nel volgere di due anni ha cambiato idea su Here.

Il programma è molto semplice da usare, con un’interfaccia in linea con quella dei principali concorrenti. Quando parte ci si trova nella modalità mappa (centrata sulla propria posizione corrente) da cui, in alto, è possibile effettuare ricerche, passare alla modalità navigazione e passare alla modalità collezioni (una sorta di bookmark dei posti in cui si è stati e di cui ci si vuole ricordare). Here è in grado di pianificare trasferimenti in auto, a piedi (utile nelle passeggiate in centro città o nella sempre più ampia rete di sentieri segnati e/o di pellegrinaggio) e con i mezzi di trasporto pubblico. È anche possibile introdurre diverse restrizioni sulle strade da percorrere: ad esempio, si può richiedere di evitare strade con pagamento di pedaggio, strade non asfaltate, etc. Ma la parte più interessante, almeno per ciò che attiene a questo post, si trova nel menù principale dell’applicazione. Là ci sono due voci, relative alla gestione della navigazione offline, che saltano subito all’occhio: la prima serve ad accedere alla gestione delle mappe offline (scaricarne di nuove, aggiornare e/o eliminare quelle presenti); la seconda è uno switch per passare alla modalità offline, nella quale l’applicazione non genera alcun tipo di traffico dati, ma si appoggia esclusivamente alle mappe, scaricate in precedenza, già presenti sul dispositivo:

20950332298_84aaa08b6b_o

Ovviamente, quando si è in modalità offline, le mappe utilizzate non saranno aggiornate all’ultimo minuto (anche se ho riscontrato che – almeno a Creata – sono molto precise anche in dettagli secondari, quali le indicazioni dei limiti di velocità), e le informazioni in tempo reale sul traffico non saranno disponibili (di conseguenza, anche i percorsi generati non potranno tenerne conto). Insomma, si tratta di una navigazione “vecchio stile”, di quelle a cui eravamo abituati fino a sei o sette anni fa, ma con il vantaggio di essere a bordo dello smartphone, e di non costare nulla ;-).

Edit: un mio caro amico, dopo aver letto questo post, mi ha segnalato un altro navigatore con mappe offline gratuito. Si tratta di be-on-road, disponibile per iOS e Android. Questo bel progetto usa le mappe “crowd sourced” di OpenStreetMap e, rispetto a Here, ha un’utile funzionalità in più: avvisa in prossimità degli autovelox. Grazie Marco!

Advertisements

Un pensiero su &Idquo;Here: navigatore GPS gratis e offline

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...