Pulsante di shutdown/reboot per Raspbery Pi

IMG_5340
Per spegnere un Raspberry Pi nella maniera giusta si deve fare il login e dare il comando ‘sudo shutdown -h now’. In questo modo il sistema si arresterà in modo pulito e non rischieremo di corrompere il file system della scheda SD o di altri dischi collegati. Poco male se il Raspberry Pi è connesso a monitor e tastiera. Ma se invece si tratta di dispositivo headless, al quale ci si connette esclusivamente da remoto via ssh, può capitare di dover accendere un altro computer solo per arrestarlo… una vera scocciatura!

“Sarebbe bello” mi sono detto “avere sul Raspy un bel pulsante per lanciare la procedura di shutdown. Continua a leggere

Annunci

Biscotti al burro

biscotti

EDIT (2014-02-07):

  • ho aggiunto lo screenshot di un “pool” di snapshot;
  • ho aggiornato lo script updatesnapshots in modo da poter far convivere sullo stesso server remoto backup di due o più volumi btrfs appartenenti ad un unico host locale.

ATTENZIONE: in questo post non è di biscotti che si parla, ma di btrfs (butter-fs) il nuovo strabiliante filesystem di Linux. Vedremo perché con un po’ di “burro di mucca” non solo i biscotti diventano più buoni, ma anche i Continua a leggere

Benvenuto lampone ;-)

Raspberry Pi

Sono stato incuriosito dal Raspberry Pi fin dalla prima volta che ne ho sentito parlare. Recentemente ho rotto gli indugi e ne ho ordinato uno, che mi è arrivato qualche giorno fa! Si tratta di un computer delle dimensioni di una carta di credito, collegabile al televisore di casa, nato da un progetto aperto della University of Cambridge, nel Regno Unito, con lo scopo di fornire un dispositivo economico (costa circa € 25,00 IVA inclusa), ma al tempo stesso pienamente funzionale, sul quale fare pratica di programmazione, anche legata al mondo dell’automazione. Continua a leggere

Captive: an alternative to tee which preserves exit status

You could know tee, a very useful Unix command that copies its standard input to standard output and to a file too. So, using a pipe (|), you can obtain a file with a copy of a command output and, at the same time, view it on the screen. E. g., instead of this: Continua a leggere

Localizzazione “che funziona” in Python

In modo da impratichirmi in questo tipo di faccende anche in Python, ho pensato di aggiungere al mio programma/esperimento Minesweeptk il supporto alla localizzazione linguistica. Conosco abbastanza bene il problema in C/C++ e, nei miei progetti professionali in quei linguaggi, uso da tempo la libreria GNU gettext. Su Python c’è il porting di questa libreria (modulo gettext), quindi mi sono subito sentito a casa.

Ispirandosi al principio di jobsiana memoria Continua a leggere

È ora di sminare il campo

Era un po’ che volevo mettermi a studiare Python: tenevo appoggiato lì da una parte Dive Into Python di Mark Pilgrim (relativo al ramo 2.x), ma non mi ero mai deciso a leggerlo. Durante le ultime vacanze di Natale, avendo del tempo libero, ho pensato di cimentarmi nell’impresa di realizzare in Python un clone decentemente giocabile dell’arcinoto Continua a leggere